x  

Chirurgia Estetica Rigenerativa

INFORMAZIONI GENERALI

C'è un recentissimo e nuovo settore della Medicina, non ancora divenuto una sua “branca ufficiale”, ma con tutte le carte in regola per divenirlo presto. Fa ricerca nel campo delle cellule staminali, ma soprattutto ne studia l’utilizzo pratico nella “Rigenerazione Tessutale”. Attualmente gli studi sono molto promettenti e le ricerche sono già avanzate per le malattie del sangue e autoimmunitarie, per la riparazione cardiaca, delle alte vie respiratorie, del disco intervertebrale, dell’osso e cartilagine, nonché in neurochirurgia, chirurgia maxillo-facciale e chirurgia plastica.

In quest’ultimo campo poi é già da qualche tempo, che Fattori di Crescita e Cellule Staminali vengono utilizzati con successo nel trattamento delle lesioni cutanee acute, croniche e dei loro esiti cicatriziali, nella ricostruzione e rimodulazione estetica del seno, viso e contorno corporeo.
Nasce così la “Chirurgia Estetica Rigenerativa” !
 
La Chirurgia Estetica Rigenerativa quindi, ora si affianca e talvolta sostituisce brillantemente quelle che fino a ieri erano le metodiche più note della chirurgia plastica tradizionale, sfruttando le note caratteristiche di riproducibilità cellulare. In ogni tessuto del corpo infatti sono presenti cellule staminali, ed il nostro tessuto adiposo ne è particolarmente ricco! Basta quindi estrarle ed opportunamente trasferirle ( LIPOSTRUTTURA ) ove i tessuti mostrano i segni di una ridotta ricrescita postraumatica o legata all’età o a patologie congenite, per riavviare una rigenerazione tissutale che porterà alla rimodulazione estetica desiderata!
 
Anche i “Fattori di Crescita” presenti in gran numero nelle Piastrine (cellule del sangue), vengono utilizzati come rivitalizzanti e biostimolanti la ricrescita tessutale. Estraendo infatti, con un banale prelievo ematico, le piastrine dal nostro sangue, queste vengono con adeguata metodica concentrate ( PRP ) e reintrodotte nei tessuti bisognosi di spinta rigenerativa, da sole o in associazione a cellule staminali adipose.
 
Entrambi le metodiche sono totalmente sicure e scevre da possibili reazioni “allergiche” perché si utilizzano tessuti autologhi ( tessuto adiposo (Lipostruttura) e sangue (PRP) dello stesso paziente ), e sono effettuabili ambulatoriamente o in day surgery secondo necessità. 

La Lipostruttura

Come - Una volta identificata la zona corporea da trattare e disegnatene i confini, si esegue, in anestesia locale, una banale liposuzione, piccola o più estesa secondo necessità, dai siti abituali (addome, fianchi, cosce , ginocchia etc.). Condizione essenziale è ovviamente che vi sia grasso da prelevare! Il tessuto adiposo aspirato viene quindi trattato e modulato in idonee apparecchiature, così da fornire un tessuto arricchito delle sue stesse cellule staminali. Il prodotto così ottenuto viene poi, con piccole cannule, reintrodotto sotto cute ove necessario e qui, attecchendo stabilmente, darà vita a nuovo tessuto.
 
Dove – Praticamente ogni zona corporea può essere trattata come riempitivo, rimodellante e rivitalizzante per ridurre i danni del tempo e di traumi esteticamente invalidanti.
Si potrà ridare tono e lucentezza al viso riducendo rughe e rilassatezza, per non parlare dell’effetto ringiovanimento sul decolleté e dorso mani! Eccellenti risultati si ottengono con il rimodellamento dei glutei e dei genitali esterni. Ma il capitolo più importante lo si sta scrivendo nel rimodellamento e aumento del seno, minorenni comprese, per le quali era sconsigliato ed è ormai vietato l’uso di protesi. Anche dopo mastectomia ove spesso le protesi da sole trovano scarsa indicazione e spesso sono fonte di complicazioni, la Lipostruttura trova naturale indicazione!
 
Quando – Non vi è una età consigliata per questi interventi, anche se sembra conveniente effettuarli: quando servono, a crescita corporea completata, e quando si è in buona salute.
 

Il PRP

Come - Il Plasma Ricco di Piastrine si ottiene con un prelievo di sangue effettuato dallo stesso paziente. Il sangue viene poi trattato con opportune apparecchiature così da ottenere in pochi minuti plasma ad elevata concentrazione di piastrine e quindi di fattori di crescita. Il prodotto viene poi utilizzato per via iniettiva intradermica come biostimolatore o sottodermica come filler rimodulante o infine come gel per la guarigione di ferite e di alcune patologie cutanee. La metodica semplice è comunque sottoposta a specifiche disposizioni medico-legali inerenti la manipolazione di sangue e derivati.

Dove - Le zone corporee da trattare sono quelle che necessitano di stimolo alla rivitalizzazione, indipendentemente dalla localizzazione, fatta eccezione per quelle con neoplasie accertate o presunte. Anche la guarigione di ferite e ulcere, spesso cronicizzate, trova soluzione in poco tempo con l’iniezione del PRP nei tessuti adiacenti la lesione. Studi clinici recenti ne consigliano l’uso anche nel rinfoltimento dei capelli!
 
Quando – Ogni volta che serve uno stimolo vigoroso alla rigenerazione tissutale e ad una rimodulazione estetica dei tessuti cutanei. Da solo o in associazione alle cellule staminali adipose è attualmente considerato il più naturale, più moderno e più sicuro filler biostimolante tissutale.
 
Quanto sin qui esposto, ovviamente non esclude, ma affianca quelle tecniche tradizionali, soprattutto di medicina estetica, e quelle macchine di ultima generazione che con l’ausilio di personale medico altamente specializzato rendono possibile contrastare i danni cutanei postraumatici e dell’età.
 
 Video sul procedimento di preparazione di Cellule Staminali Adipose Autologhe: 
 
 

 

 www.cellenrich.eu 

ARTICOLI:

Cellule staminali 1 - Cellule staminali 2 - Cell transplation 

Sicpre: il seno aumentato con il lipofilling è 'trasparente' alla mammografia

 

 

    
 
ic